A.G. & A.G Intervistano Sonia Sodano

admin

INTERVISTA

Antonio Gargiulo & Adriano Gotulani

Sonia Sodano – Presentatrice e conduttrice – Somma Vesuviana (Napoli)

•Carissima Sonia Sodano, siamo giunti all’intervista fatta da me (Antonio Gargiulo) e da Adriano Gotulani. L’intervista si svolgerà nel seguente modo: riceverai una domanda da me e una da Gotulani. Io cercherò di scoprirti, Gotulani di spogliarti, ma non so in che senso. Dichiari di esserti sottoposta alle terribili domande mie e di Gotulani di tua iniziativa e senza costrizione alcuna? Se si, adesso alza la mano sinistra e metti la mano destra sul cuore e poi Giura di dire la verità tutta la verità e nient’altro che la verità? … Dici lo giuro!

Non giuro mai… al massimo posso promettere. Se vi va bene, sono pronta.

• Bene allora comincio io! Antonio: Cara Sonia Sodano, tu sei una conduttrice e una presentatrice mi spieghi cosa ti ha spinto ad essere su facebook? Solo per pubblicità o anche un modo per condividere quello che senti e/o quello che sai?

Sono approdata su facebook quando ancora non facevo né la giornalista, né la conduttrice come dici tu. Mi sono iscritta per restare in contatto con i miei amici. Sono rimasta sulla piattaforma perché mi piace condividere con gli altri le cose che faccio, ma anche e soprattutto perché penso che ormai la comunicazione in generale passi anche attraverso i social network. Su fb ho conosciuto molte persone, alcune delle quali non le avrei mai voluto incontrare sul mio cammino, altre che mi hanno arricchito la vita. Credo nell’interazione e nello scambio culturale per questo sono rimasta su facebook.

•Adriano: Ora tocca a me! Facebook significa ricevere e scambiare commenti, c’è qualche amico o amica di facebook a cui sei particolarmente legata? Ovvero uno o una dal o dalla quale ti fa più piacere dare o ricevere commenti?

Come ho detto, su fb ho conosciuto tante persone e la risposta alla tua domanda è sicuramente sì. C’è più di una persona a cui sono legata. Qualcuna ho avuto modo e piacere di conoscerla dal vivo, qualcun altro (vuoi anche per la lontananza) è rimasto solo un contatto su fb come Pierina Berto che non molto tempo fa mi ha scritto una mail dolcissima dove mi definiva “un volto familiare da salutare tutti i giorni”. Non vi nascondo che ho quella mail conservata nei documenti del pc e la rileggo ogni tanto, sorridendo con piacere. Quindi permettetemi di cogliere l’occasione per salutare Pierina e tutte le persone che mi scrivono e scusarmi se a volte non rispondo tempestivamente a tutti… purtroppo sono un po’ disorganizzata e non amo le chat, ma c’è anche dell’altro: giuro che (con piacere) mi arrivano tantissimi messaggi ogni giorno e quando provo a rispondere a più di 10 persone fb mi blocca la chat. Mi sento un po’ sfigatella sotto questo punto di vista… scherzo!

•Antonio: Cosa significa essere te stessa? Cioè cosa significa essere Sonia Sodano ? Chi è Sonia Sodano e come cerca di essere se stessa?

Mi sento una ragazza semplice, con tanti sogni nel cassetto e tanta voglia di fare. A volte viconfesso che non è semplice rimanere sé stessi, vuoi per il lavoro che faccio, vuoi perché sono sempre stressata da mille impegni, però credo anche che conservare una propria identità è essenziale per affrontare la vita. Prima di ogni cosa, la mia palestra è fatta di esercizi semplici: per conservare Sonia Sodano dedico spazio alle persone che amo. La mia famiglia, gli amici… sono loro che mi ricordano chi sono veramente e che quando sto sbagliando mi riportano “sulla retta via” per usare una ben nota frase di Dante.

•Adriano: Elencaci almeno chi sono i tuoi amici più stretti! Quelli con cui meglio riesci e ti piace parlare e/o chattare e/o commentare?

Sicuramente quelli che conosco da una vita. Uno studio ha detto che un’amicizia per durare in eterno deve superare i 4-5 anni di vita. In questo mi ritengo fortunata perché sono circondata da almeno una decina di persone di cui non potrei mai fare a meno. Tuttavia con loro preferisco usare il telefono o vederci di persona; fb è solo una cosa in più.

•Antonio: Il tuo nome è Sonia Sodano, ma hai per caso qualche pseudonimo? qualche nomignolo? Sei registrata da qualche altra parte con qualche nick? Se si dicci quali e perché li hai scelti?

Beh, ne ho un po’ di nomignoli… ma c’è uno a cui sono particolarmente legata perché l’ha scelto una delle mie più care amiche ed è “tigre palmare” o semplicemente “tiger”. Questo mi accosta all’anime giapponese “Toradora”, la cui protagonista Aisaka Taiga, ( secondo il parere dei miei amici) mi somiglia molto per carattere, ma anche per fisicità. Infatti su instagram il mio nickname è TenoriTaiga. Da qui molte persone che mi seguono anche nel mio lavoro hanno preso l’abitudine di chiamarmi “Tiger”, (dicono loro) per il mio carattere di “forte tempra”.

•Adriano: che rapporto hai con gli animali? sono sicuro che in fondo ad ogni donna si nasconde una gattona… Ti senti e ti limiti ad avere un atteggiamento fiero e disinvolto o fai anche la gattona e gli occhietti dolci agli amici di facebook?

Adoro gli animali in generale, ma più che gattona, penso abbiate già capito che sono una tigrotta… quindi attenti.

•Antonio: Cosa ritieni più significativo e importante del tuo profilo? cioè cosa vorresti di te che saltasse subito all’occhio di chi ti visita?

Non ci ho mai pensato sinceramente, ma credo che mi piacerebbe che qualcuno notasse subito i miei interessi, intesi come hobby, passioni e più in generale il mio percorso artistico-culturale- lavorativo. Di sicuro attraverso il social non si riesce a conoscere la persona per quel che è, ma un minimo mi piacerebbe riuscire a trasmettere la mia personalità a chi visita il profilo.

•Adriano: Se ti piace qualcuno, come glielo fai capire? Ti limiti a fare gli occhietti dolci? Gli dedichi anche qualche cosa? Inviteresti questa persona a cena o a bere un caffè? La

inviti direttamente a farti mantenere la scala mentre recuperi un libro che sta molto in alto sulla libreria visto che indossi la gonna?

Raramente mi piace qualcuno. Questo per me è un po’ un difetto: sono molto esigente. Tuttavia quando “mi piace qualcuno” non salgo su scale o altre cose simili… mi limito a conoscere la persona attraverso la naturalezza delle cose legate alla quotidianità e se questo vuol dire invitare questo qualcuno da qualche parte lo faccio. Una passeggiata va benissimo, “dove?”, lo si decide insieme.

•Passiamo al lavoro Antonio: Tu fai la presentatrice e la conduttrice, Quante sorprese ancora ci riservi e quante cose dobbiamo ancora scoprire di te?

Mi sento una giornalista prima di tutto. Questo lavoro è bello perché ti permette di vivere ogni giorno in maniera diversa. Non sai mai cosa ti capiterà nel corso della giornata, perché i fatti accadono senza preavviso. È questo che mi piace e non mi annoia mai del giornalismo. Mi ritengo molto fortunata per questo: faccio il lavoro che mi piace e lo faccio con passione ogni giorno della mia vita. E poi scrivo. Da un po’ non ho più pubblicato libri, ma ho scritto ugualmente. Mi reputo una scrittrice dentro, scrivo in maniera “egoistica”: prima di tutto perché mi va… Ci sono sempre novità per me da scoprire.

•Adriano: Hai mai pensato di scrivere (o letto) qualche cosa di erotico? Letto sicuramente, scritto ancora no, ma non mi dispiacerebbe. Non c’è niente di male: l’erotismo

fa parte della nostra vita. Ogni essere umano è dotato di eros… lo scrittore scrive della vita.

•Antonio: Tu hai presentato diversi argomenti giusto? C’è uno di essi a cui sei particolarmente legata o che ti è stato più a cuore? Spiegaci anche il motivo? – tu hai fatto lo speaker o inviato in diverse occasioni, C’è un’occasione che ti ha maggiormente colpito emotivamente e alla quale sei più legato? Spiegaci anche il motivo!

Nel mio lavoro da giornalista sono entrata a contatto con diverse realtà. Sicuramente sul panorama lavorativo sono legata alla cronaca per l’imprevedibilità e alla voglia di approfondire argomenti e fatti giorno per giorno. Sul piano della conduzione televisiva ho presentato numerosi programmi culturali, artistici e letterari come “Cultura A colori” , “Teatrando” “ A Teatro con Sonia Sodano”, ma anche sportivi come “Tutto Fa Calcio” e sociali come “Donne&Società”. In questo caso sino ad oggi sono molto legata alla produzione di “Donne&Società” perché mi ha permesso di esaminare argomenti importanti del panorama femminile e confrontarli col mondo maschile. Una bella esperienza che spero si possa ripetere in una prossima stagione. Per quanto riguarda il mio lavoro radiofonico, conduco “Tutto Fa Spettacolo” un format che ho ideato io a cui si è unita la mia collega ed amica Alessandra Vasaturo e “Caffè Noir” un altro programma che invece è in collaborazione con Alessandra Vasaturo e Oreste Vibrati. Ad entrambi sono legata in modo diverso, ma se mi si chiede di scegliere, sicuramente “Tutto Fa Spettacolo” è la versione più vicina a me. Attraverso questo format ho avuto la possibilità di parlare delle mie più grandi

passioni come il teatro e conoscere una persona straordinaria come la mia partner che mi ha a sua volta fatto conoscere il mondo del cinema essendo lei un’esperta nel settore.

•Adriano: Cosa pensi della letteratura e dell’arte erotica? Quali sono secondo te i vantaggi e gli svantaggi di cimentarsi con essa? Pensi che ci sia ancora molta gente che la ritenga una letteratura o un’arte perversa e di basso livello? Insomma, credi che un giorno, nonostante siano passati secoli dal Decamerone, questa letteratura e arte possa essere finalmente considerata al pari di tutte le altre?

Penso che la letteratura e l’arte erotica più in generale sia semplicemente l’espressione più vivida del corpo umano accostata all’essenza stessa dell’anima… non la vedo come un’arte a sé, ma come un’arte che arricchisce e si mescola perfettamente alle altre. Non ci vedo nulla di male. Poi ognuno la pensa come preferisce.

•Antonio: Se dovessi presentare con pochissime parole il tuo lavoro, come lo presenteresti?

Pochissime? Difficile. Beh a volerci provare direi: amo il mio lavoro ed essendo una donna esigente, potete ben capire quanto per me è meraviglioso.

•Adriano: Facciamo un ipotesi assurda! Oggi è il giorno della tua presentazione e qualcuno ti denuda completamente spingendoti sul palco, riusciresti a presentare lo stesso?

Certo, ma prima di presentarlo, torno indietro e prendo a calci colui che mi ha denudato e spinto. Sul serio, penso che non ci sia metafora migliore di quella dell’ anima denudata da ogni abito per descrivere uno scrittore. Il vero scrittore è quello che si mette a nudo davanti ai propri lettori. Questa sensazione l’ho provata scrivendo, ma soprattutto cimentandomi con la poesia.

•Antonio: C’è qualche cosa che ti piacerebbe scrivere/fare o che vorresti scrivere/fare nei tuoi progetti futuri?

Mi piacerebbe scrivere delle mie esperienze lavorative, di Napoli quale la mia città e di continuare la mia carriera con la stessa volontà di riuscire nei miei progetti televisivi e radiofonici.

•Adriano: Faresti mai delle foto di nudo artistico e/o un calendario se ti pagassero un bel po’ di soldi?

Farei delle foto di nudo o calendari solo se mi venisse voglia di comunicare qualcosa di particolare, non certo per i soldi. Preferisco l’espressione dell’anima. Per il momento però, non credo lo farei: mi sento più donna da comunicazione verbale e/o scritta.

•Ultime tre domande Antonio: Quando leggi, ti cali completamente nel libro oppure rimani completamente estraneo?

Ovviamente da “lettore incallito” mi calo completamente nella storia e nei vari personaggi. Interpreto il loro modo di fare nel corso della vicenda, faccio paragoni con ciò che avrei fatto al loro posto e vivo intensamente ogni passaggio. Tutto questo non accade solo se trovo il libro estremamente noioso e poco interessante. Come dicevo sono esigente…voglio che la storia mi rapisca in ogni sua essenza e mi provochi emozioni. In un mondo dove tutto è stato già scritto, cerco l’originalità e la semplicità… spesso infatti, gli autori tendono ad “arricchire”eccessivamente i loro lavori per volontà di “brillare” più degli altri e peccano di presunzione e noia agli occhi del lettore.

•Adriano: Cosa dovrebbe fare o come dovrebbe vestirsi o cosa dovrebbe regalarti un blogger o un fan per convincerti ad andare a vedere la collezione di farfalle che si trova sempre nella camera da letto? C’ è qualche possibilità che tu ceda?

Prima di tutto, (facendo finta di non cogliere la sottile allusione) essendo un’amante degli animali, un tipo con una collezione di farfalle nella propria camera da letto mi verrebbe da paragonarlo a Jack lo squartatore … degli insetti volanti, quindi non avrebbe alcuna speranza. In secondo luogo un uomo per colpirmi deve lasciarmi un’emozione. Non amo ricevere regali da sconosciuti, né tanto meno mi soffermo sull’abito per un po’ di motivi. Uno. Come dice il detto “Abito non fa il monaco”. Due. Che glieli guardo a fare i vestiti se c’è la possibilità di toglierli?…

•Antonio: C’è un passo di qualche libro o di qualche poesia o qualche frase famosa che consigli? Delle pagine o delle righe che senti maggiormente tue e che vorresti vedere più spesso in giro per dare esempio alle attuali generazioni e quelle future? Se si, dicci quale o quali!

C’è una poesia a cui sono molto legata, perché mi piace molto. Sto parlando di “Inno alla bellezza” di Charles Baudelaire.

•Adriano: Cosa pensi di Antonio Gargiulo? Su avanti non aver paura! Puoi dire tutto ciò che vuoi! anche che sei attratta! Hai acquistato o pensi di acquistare a breve o in futuro un suo libro o i nostri libri scritti a quattro mani?

Non lo conosco bene, quindi non mi permetto di giudicarlo, ma posso dire che è un grande rompiscatole… scherzo. Ha una grande tenacia e voglia di fare e per questo gli auguro di riuscire in tutte le cose che desidera. Per quanto riguarda i suoi libri, sicuramente in futuro non mancherà di leggere qualcosa.

•Antonio e Adriano: Sonia Sodano, ti ringraziamo per la pazienza avuta nei nostri confronti e per aver risposto a tutte le nostre domande! Ti auguriamo tanto successo e consigliamo a tutti il tuo lavoro.

Grazie a voi e alla vostra di pazienza, visto che mi avete rincorso per un lungo anno, prima di avere queste risposte… come dicevo sono disorganizzata. Grazie ancora mi sono divertita molto. In bocca al lupo per i vostri progetti.

• Antonio e Adriano: Noi invitiamo tutti a visitarti e a contattarti ai seguenti indirizzi:

Facebook: https://www.facebook.com/sonia.sodano