Commenti Consigli Domande

Italiano

Le immagini all'interno del post rappresentano foto dello schermo (screenshot) di post fatti da persone vere a cui è stato oscurato nome e foto per privacy.

Siamo qui alla terza “puntata”.

Come ho già detto in precedenza, quello che mi ha tenuto lontano dal sito sono state due cose:

1) Perdere tempo su Facebook

2) Cambiare il sito tre volte per aver ascoltato un consiglio e poi non sentirlo più mio.

Sono due puntate che parlo di come si possa perdere tempo su Facebook…

Puntata 1: https://dragossido.com/it/ricominciare.html

Puntata 2: https://dragossido.com/it/facebook-amici-davvero-amici.html

… quindi questa volta vorrei parlare… di commenti infelici, consigli non richiesti e di domande assurde o senza senso che racchiudono la fine di queste puntate e mi sento come uno dei grandi scrittori delle trilogie in questa terza puntata.

Vi siete mai chiesti cosa c’è davvero dietro una foto o un post su Facebook o un post su un blog come il mio? four - no three

I nostri occhi vedono solo ciò che vogliono vedere e ad ogni persona una stessa identica immagine può apparire in maniera diversa e per questo una singola immagine assume milioni di significati e magari nessuno del milione dei significati è quello giusto.

Le immagini in se non possono trasmettere lo stesso sentimento provato da chi fa la foto o da chi è nella foto, infatti basta fare un esempio pratico. Mettiamo il caso che sei nella foto con una persona che sti sta letteralmente antipatica, ma essendo una foto sorridi anche se in realtà vorresti strozzare la persona che sta lì con te; tutti penseranno che quella persona è tuo amico o amica e quando confesserai: “ma veramente mi sta antipatico! (o antipatico)” gli altri ti diranno: “Ma come, stava in foto con te!”… e quindi che? La dovevi strangolare nella foto? Non lo so, magari la gente vuole vedere scene horror con le persone che odi? Mah!

Altro esempio. Io nel fine settimana qualche volta faccio l’insegnante di danza agli addii al nubilato insegnando Greease, Dirty dance, burlesque, can can, merengue, salsa, bachata, cheerleader e tanto altro alle ragazze pubblicando le foto su Facebook con le mie studenti. (le immagini sono disponibili sulla mia pagina fecebook, sulla apposita pagina facebook e sul sito DRAGOSSIDO ACADEMY)

Ho ricevuto diverse volte commenti del tipo: ”Sei pieno di donne” - NO! MA PROPRIO NO E AL QUADRATO ANCHE!

Partendo dal presupposto che i gruppi a cui insegno partono da un minimo di otto fino a anche 30 ragazze, guarda... con tutta la buona volontà, non ce la posso mai fare a farmela con otto donne nella stessa serata, mi hai “leggermente” sopravvalutato, anche perché non ce la farebbe nemmeno uno che fa i “filmini” a farsela con 8, figuriamoci con 15 o 20 o 30… Non ce la fa manco Superman con il viagra! Quindi non esageriamo... con fatica magari arrivo a due e impegnandomi a tre ma non di più.

Il problema comunque è che tutti siamo vittime di giudizi affrettati, commenti frettolosi e anche post frettolosi… Tutto di fretta… tutto uno snap, un flash, uno scatto… tutto istantaneo, veloce e immediato e le persone che si soffermano a leggere nei post o nei cuori fin dentro alle anime sono sempre meno. Volendo fare uno scioglilingua, quesa è “La fretta affrettata di chi con fretta frettolosa, frigge la frutta frullata nella friggitrice” e con la stessa fretta diamo anche consigli.

Così un giorno una persona mi ha detto: “il tuo sito somiglia più a un blog che a un sito” e io ci sono rimasto male per l’impegno che ho messo nella realizzazione tecnica e nei contenuti.

Ho riflettuto a lungo sulla cosa e ho cominciato a cambiare una marea di volte, ma l’ho sentito sempre più distante dal mio modo di vedere le cose fino a non sentirlo più nemmeno mio.

Ho riflettuto di nuovo e mi sono detto: “Chi se ne frega!” Se sembra un blog, alla fine lo è ed pure più interessante di un sito statico.

Io sono uno scrittore come tanti e la maggioranza degli altri scrittori si limita a scrivere 3 o 4 pagine: una di se stessi una dei libri e le altre due per le privacy e i contatti. (se non fossero obbligatorie le pagine di privacy, i siti degli altri scrittori avrebbero solo tre pagine) Tra un anno, saranno uguali a oggi e tra due anni pure e tra dieci anni lo stesso e che palle. Io invece ho deciso di farmi conoscere non solo per i libri ma anche per come la penso; di far conoscere i miei progetti, le mie speranze, le mie esperienze, le mie preoccupazioni e i miei sogni e in più, qualche racconto ancora acerbo come “L’imperatrice”, “La Piscina”, “I quattro cavalieri”, “La regina Maab” (che ho tolto dal sito) ed altri poi ancora: esclusive, energie alternative, scienza, informatica e tanto altro.

Ho il sito dal 1996 ma negli ultimi 10 anni credo di aver scritto più di 400 contenuti in italiano e un centinaio in inglese in due anni. Quando ho cominciato, 10 anni fa, a scrivere sul blog, se qualcuno cercava su Google Antonio Gargiulo per ben quindici pagine consecutive c’ero solo io. (a proposito ho cambiato il nome d’arte da “Antonio Gargiulo By www.dragossido.com” a “Antonio Dragossido”) Sono stato anche uno dei primi siti in Italia a parlare di energie alternative e raccolta differenziata e ricevevo pure venti commenti ogni post. Purtroppo ho dovuto chiudere e cancellare i commenti sul sito perché venivano troppi spam e chi commentava veniva attaccato dagli spammatori. Attualmente ho affidato il servizio commenti a Disqus che è una piattaforma fatta apposta per i commenti, più sicura e con possibilità inesistenti per gli spammer di poter spammare me o i miei commentatori.

Poi per curiosità due anni fa ho aggiunto un contatore visite ai miei post e ho notato che in poco tempo ogni post in inglese è stato visto più di seimila volte minimo fino a toccare la punta di trentaseimila visite, mentre quelli in italiano arrivano a stento dai cento fino ad un massimo di seimila visite.

Sarà colpa delle persone leggono di meno? Non so, però rimango esterrefatto di alcune domande su Facebook…

post facebook

e non contento ho voluto sondare anche le domande di ask.fm

ask.fm

Traduzione (credo sia questa, perchè anche gli inglesi non ci hanno capito un accidente!): pensi che le persone che vogliono il sesso neutro dovrebbero essere prima vegani neutri? Come fai a sapere che una mucca o un pollo non sia identica agli umani neutri, non vuoi essere un assassino odioso di neutri? 

E che rispondere? (a parte fatti vedere da uno psicologo bravo?)

Ed è così che si perde tempo sui social. Pubblicità sui social? Umm… visto il livello direi di no.

Quindi eccomi di ritorno.

Spero che vi piaccia il mio sito che è anche blog, che vi piaccia quello che scrivo e che cominciate a commentarmi.

 

Share | Condividi

Comment with DISQUS

Questo sito è pienamente accessibile a chiunque!